Come funziona Twitter in breve (e come usarlo per il marketing)

Ecco come funziona Twitter in breve:

  1. è un social network, ma alcuni preferiscono chiamarlo “piattaforma di micro-blogging”,
  2. crei un account e pubblichi contenuti, chiamati “tweet”,
  3. se piacciono, gli altri utenti ti seguono. Nel gergo di Twitter diventano tuoi ”follower”.

Lo scopo di tutto questo? Dipende da te.

Ma in genere quando hai tanti follower, ti ritrovi un potente canale di acquisizione di traffico.

A quel punto puoi promuovere la tua lista email o i tuoi prodotti e servizi. Così una parte dei tuoi follower si trasformeranno in iscritti o clienti.

Questo era il mega-riassuntone. Più sotto trovi qualche dettaglio operativo in più sulle funzionalità e i vantaggi di Twitter.

Come funziona Twitter in breve


Indice

  1. Come funziona Twitter in breve, ma con qualche dettaglio in più
  2. Come usare Twitter
  3. I fondamentali del marketing su Twitter
  4. Meglio usare Twitter in Italiano o in Inglese
  5. Il prossimo passo

Come funziona Twitter in breve, ma con qualche dettaglio in più

Twitter è tra i 10 social network più usati al mondo. Se escludiamo i vari servizi di chat e le app esclusive del mercato cinese è in settima posizione dietro a Facebook, Instagram, YouTube, TikTok, Snapchat, Reddit e Pinterest.

Conta 326 milioni di utenti attivi ogni mese.

Ha dei meccanismi particolari. Per me lo rendono irresistibile. Ma richiedono un po’ di pratica all’inizio.

Come funzionano i tweet


Il contenuto principale sono post testuali, i tweet, e fin qua nulla di particolare.

La differenza con ogni altro social, è il limite stringente alla lunghezza di ogni contenuto.

In ogni tweet puoi scrivere al massimo 280 caratteri. Per questo lo chiamano piattaforma di micro-blogging.

L’altra grossa particolarità è che l’interfaccia non mette in secondo piano i commenti di risposta a un tweet.

Su Facebook, LinkedIn o Instagram nel feed vedi i post dei vari account. Vuoi leggere qualche commento? Devi cliccare sull’icona sotto al post.

Su Twitter invece tweet originali e risposte degli account che segui, hanno la stessa visibilità nel feed.

Si crea quindi un flusso continuo di messaggi. Questo rende possibile delle dinamiche di marketing particolari. Te le spiego meglio nel capitolo successivo.

Intanto ricorda questo, su Twitter:

  • un nuovo post è un tweet,
  • un commento al post è sempre un tweet (per precisione si parla di reply, risposta, ma dal punto di vista grafico non vedrai differenze enormi tra i due).

Oltre a creare nuovi contenuti hai anche altre possibilità d’interazione

Puoi:

  • mettere un Mi piace,
  • ritwittare un tweet tuo o di altri (funziona come il “Condividi” di Facebook),
  • citare un tweet tuo o di altri. In questo caso lo condividerai all’interno di un tuo nuovo post.

La dinamica di follow e unfollow

La dinamica follow unfollow su Twitter

L’ultimo aspetto fondamentale per capire il funzionamento di Twitter è la dinamica del follow/unfollow (seguire/non seguire).

Su Facebook puoi chiedere l’amicizia a un altro utente. Questo crea una relazione bidirezionale:

  • tu vedi nel tuo feed i post del tuo nuovo “amico”,
  • lui vede i tuoi.

Twitter è stato il primo social a introdurre una logica unidirezionale. Poi è arrivato Instagram e anche Facebook e LinkedIn ora l’hanno implementata.

Funziona così.

  1. Trovi un account interessante.
  2. Per vedere nel tuo feed i suoi tweet clicchi sul tasto follow (segui). Così diventi un suo follower (seguace).
  3. Ora tu vedi i suoi tweet nel tuo feed, ma lui non vedrà i tuoi.

Per questo in ogni account Twitter trovi il numero di:

  • follower, ovvero le persone che vedono i tweet di quel profilo,
  • following, ovvero le persone che quel profilo segue.

A questo punto hai le basi per capire come funziona Twitter.

Come usare Twitter

Ora puoi usare la piattaforma in modo passivo. Entri e leggi solo i tweet dei tuoi profili preferiti.

Può essere un buon modo per eliminare la dipendenza da giornali e telegiornali. Su Twitter trovi tutte le informazioni. In più c’è un continuo fact-checking di tutte le notizie.

Ma a dirti il vero Twitter è più interessante con un uso più attivo.

La possibilità di interagire con gli altri utenti aumenta il divertimento. A quel punto però avere dei follower diventa importante. Altrimenti troverai spesso a parlare da solo.

E i follower diventano indispensabili se Twitter rappresenta per te uno strumento di business.

Allora passiamo alle basi del marketing su questo social media.

I fondamentali del marketing su Twitter

Innanzitutto come in tutti i social devi pubblicare tweet interessanti.

Se sei noioso o irrilevante, nessuno ti darà attenzione. Per creare contenuti di valore punta a twittare qualcosa di:

  • basato sulla tua esperienza,
  • e/o divertente,
  • e/o controcorrente.

Come fare marketing su Twitter

All’inizio è difficile.

È difficile in generale, ma su Twitter hai pure il limite dei 280 caratteri.

In questo senso è un’ottima palestra di copy. Ti obbliga a condensare un’idea nella formula più breve e pungente possibile.

Hai 2 fattori a tuo vantaggio però.

  • I tweet hanno vita breve. Se nessuno si fila il tuo nuovo post, nel giro di 1 minuto è già finito nel dimenticatoio collettivo. Quindi sperimenta pure senza troppe preoccupazioni.
  • All’inizio per aumentare i follower c’è un percorso obbligato. Dovrai rispondere ai tweet dei profili più seguiti.

Questo secondo punto è cruciale. Intanto non devi guardare il vuoto in cerca di un’idea luminosa.

Hai un punto di partenza per il tuo tweet. Tieni d’occhio i tweet di Elon Musk (che ha quasi 60 milioni di follower). Pensi a una risposta interessante. E la scrivi.

Se parti da zero, all’inizio questa è anche l’unica via per crescere.

La strategia funziona così:

  1. trovi profili con decine di migliaia di follower e alto livello di engagement (un sacco di like, risposte e retweet),
  2. quando pubblicano qualcosa, commenti il prima possibile,
  3. così una parte dei follower di quel profilo vede anche la tua risposta.

In questo modo qualcuno scoprirà il tuo profilo. E se gli sembra interessante cliccherà su “follow”.

Finché non raggiungi anche tu qualche migliaio di follower questa sarà la tua attività principale su Twitter. E mi raccomando twitta un sacco. Io cerco di puntare a +15 tweet di risposta al giorno.

Quando cominci ad avere un tuo gruppo di follower allora la logica cambia.

Conviene ancora twittare sui profili grossi. Ti aiuterà a crescere. Ma puoi anche creare un numero maggiore di tweet nativi per il tuo profilo.

E soprattutto ogni tanto potrai portare i tuoi follower FUORI da Twitter.

Fuori dove?

Ovvio, sulla tua lista email o su qualche offerta di vendita.

A questo scopo hai due opzioni.

  1. Puoi sfruttare i tweet. Ne scrivi uno e ci piazzi un link.
  2. Oppure puoi inserire una CTA sul tuo profilo.

La prima opzione è contestuale. Nel breve termine la vedono più persone. Ma i tweet hanno vita breve, quindi sparirà in fretta dal feed.

Con il link sul profilo lavori più sul lungo termine. Sarà sempre visibile. Quindi di quando in quando qualcuno andrà sul tuo profilo e ci cliccherà.

Inserisci una CTA sul profilo Twitter

Inserisci pure da subito questo tipo di link. Anche se hai pochi follower non ci sono controindicazioni.

Per quanto riguarda quelli sui tweet, non perderci tempo. Finché non hai un pubblico, sono irrilevanti. Meglio se ti concentri sull’aumentare il numero dei tuoi follower.

Meglio usare Twitter in Italiano o in Inglese

Cosa conviene? Pubblicare tweet in Inglese? In Italiano? Un po’ e un po’?

Scarta subito l’ultima ipotesi.

Se pubblichi in due lingue diverse la tua crescita sarà più lenta.

Se non capisco metà dei tuoi tweet, non cliccherò mai su “follow”. Oppure, smetterò in fretta di seguirti.

Quindi: Italiano o Inglese?

Con l’Italiano c’è un problema.

Di fatto, in ItaliaTwitter funziona solo per il confronto politico.

Su altri temi non ci sono profili con decine di migliaia di follower. A quel punto, se parti da zero, ti ritrovi bloccato.

In quel caso meglio scegliere un social diverso.

Oppure, sempre se parti da zero, vai dritto in Inglese.

In questo caso Twitter è il miglior social sulla piazza. Troverai un sacco di contenuti e profili interessanti.

E potrai interagire con milioni di persone da tutto il mondo.

Questo è il mio approccio. Con il mio account Twitter punto ad aumentare la mia visibilità (e quella del progetto We Who Think) in Inglese.

Di sicuro nel mercato internazionale hai un potenziale di crescita superiore. Certo ci sono concorrenti agguerriti, ma il bacino di utenti rasenta l’infinito. Ti basta una minima frazione per ritrovarti con un potentissimo canale d’acquisizione del traffico.

In più scrivendo brevi tweet migliorerai il tuo Inglese in fretta e senza rischi di figuracce pubbliche.

Il prossimo passo

Intanto crea il tuo account su Twitter, se già non ne hai uno.

Prova a bazzicare sulla piattaforma.

Poi trova dei profili con decine di migliaia di follower. Seguili e commenta con tweet interessanti.

La crescita non sarà veloce da subito, ma diventa stimolante in fretta.

Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Samuele Onelia

Samuele Onelia

Ho scritto il libro più breve sul copywriting: Maledetti Indecisi. Niente lungaggini. Lo leggi in 46 minuti. Sono attivo anche su Linkedin, raggiungimi anche lì.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Mostra tutti i commenti

Ricevi la Mappa per il business online

Inserisci la tua migliore email.

Ti iscriverai gratis alla nostra newsletter e riceverai come bonus la Mappa per il business online.

Iscriviti e scarica il manuale

Inserisci la tua migliore email.

Ti iscriverai alla nostra newsletter e riceverai gratis il manuale “Perché i clienti ti ignorano?”

Lead magnet problema

Scarica la guida al copywriting in PDF

Iscriviti gratis alla nostra newsletter e la riceverai subito come bonus.