Come diventare indistraibili – Riassunto

Impara rapidamente solo le lezioni fondamentali dai migliori libri di business e crescita personale. Ricevile direttamente via email, iscrivendoti qui sotto:

Acquista su Amazon: Come diventare indistraibili

Sei un indipendente (o vuoi diventarlo) perché vuoi tracciare la tua strada. Non ci sarà nessuno a dirti cosa devi fare ogni giorno, soprattutto per il tuo lavoro.

Questo è fantastico… Ma c’è un problema: nessuno controlla che tu faccia quello che serve, dipende tutto da te.

Vedi il rischio?

Tutti oggi denunciano che non siamo più in grado di concentrarci. È grave per uno studente, un genitore, per un lavoratore dipendente. Per un indipendente è fatale.

I tuoi risultati dipendono dalla qualità delle tue decisioni. Per decidere bene, per creare valore, hai bisogno di lunghi periodi di concentrazione approfondita.

Ma tutto sembra complottare contro di te: i social media, l’email, i collaboratori, la famiglia, persino le tue “chiacchiere interiori”.

Il libro “Come diventare indistraibili” di Nir Eyal è la guida migliore che ho letto su questo tema. Ti insegnerà a costruire una corazza per deflettere gli attacchi delle “forze distraenti”.

Ho studiato molto questo argomento, oggi è di tendenza. Ti consiglio questo libro in particolare perché è molto ben documentato. Si basa su ricerche recenti e soprattutto realizzate con criterio, non pseudo studi scientifici.

Cos’è la distrazione e perché è sempre in agguato

Distrazione è il contrario di trazione. Questa è una definizione originale e molto utile.

La trazione nella tua vita e tutto quello che ti fa progredire, tutto quello che corrisponde ai tuoi valori. Le attività che ti fanno guadagnare, le interazioni che migliorano le tue relazioni, i momenti di riposo veramente ristorativi.

Quindi, tutto ciò che interrompe questi momenti, o li rovina, è distrazione.

Ma, se i momenti di trazione sono così utili e positivi, perché ci facciamo distrarre?

Il problema è che la nostra motivazione principale è tenere lontano il disagio. Spesso, purtroppo, le cose utili richiedono fatica. Pensa a qualsiasi attività importante per il tuo business.

Quando ti devi impegnare a fondo, si innescano meccanismi di evasione. Persino controllare l’email per la 150ª volta è divertente, rispetto a scervellarti su come aumentare le vendite.

Ma non finisce qui. Siamo geneticamente portati ad annoiarci. Senza la noia vivremmo ancora nelle caverne.

Cerchiamo continuamente di migliorare la nostra vita, ma quando otteniamo quello che vogliamo diventa normale. Noioso, appunto. Così cerchiamo una nuova avventura.

Purtroppo, questo significa che nel quotidiano inciampiamo continuamente nella noia. Le distrazioni servono a sfuggirle.

In questo senso la gestione del tempo è gestione del disagio: programma le tue attività in maniera da limitare il disagio e quindi dare almeno carburante alle distrazioni.

Scova e supera le distrazioni con l’introspezione

Oggi i “poveri” social media sono il capro espiatorio quando si parla di distrazioni. Ma in passato altre invenzioni si sono beccate questo trattamento (stampa, radio, tv, computer pre-internet, il web).

I social media, le email, le altre persone sono trigger esterni per le distrazioni. Ma non sono il vero problema.

Ogni distrazione ha anche un trigger interno. Solo quando quello esterno aggancia quello interno perdi la concentrazione.

Il nodo quindi riconoscere i trigger interni. Ad esempio la noia, un dolore o una fatica che vuoi evitare.

Se impari a conoscerli, sarà più facile corazzarti contro le distrazioni.

Il primo passo quindi è renderti conto di quando senti questo disagio: quando accade, cerca di capire il motivo. Cosa ti dà fastidio? Cosa ti affatica? Cosa ti annoia?

Mettilo nero su bianco e descrivi come ti fa sentire. Ti allenerai così a riconoscere nel tempo segnali simili.

Quando succederà aspetta, prenditi 10 minuti. Probabilmente l’impulso si spegnerà la solo.

Come gestire il tempo per mettere al bando le distrazioni

Il tuo obiettivo è dedicarti a ciò che costituisce trazione. Innanzitutto, identificalo.

È un percorso di crescita personale: individua i tuoi valori, cosa è veramente importante nella tua vita. Poi definisci a cosa vuoi dedicare il tempo in base a questi valori.

Ma non basta. Ti serve uno strumento per avere la disciplina di usare il tempo come auspichi. Il suo nome è “time blocking”.

Implementarlo è facile:

  1. apri il tuo calendario (cartaceo o elettronico),
  2. riempi ogni momento della giornata, da quando ti svegli a quando vai a dormire, inserendo tutto quello che vuoi e devi fare.

Una volta che hai bloccato tuo calendario, rispetta il piano. Se hai riservato due ore la mattina a scrivere il tuo libro, fai solo quello.

Manca ancora un tassello per assicurare il funzionamento del sistema: una todo list.

Anche qui, puoi usare carta e penna, ma un app renderà la pianificazione più rapida (così sarà più probabile riuscire a farla). Il concetto è questo: se metti un impegno sul calendario e per qualche motivo non lo completi, il giorno dopo non ce ne sarà più traccia. Se invece combini al calendario una todo list, ogni impegno incompleto rimane dolorosamente visibile, spesso in cima alla lista.

Sarai costretto a riconoscere il fallimento oppure a rischedularlo.

Questi sono i passaggi cruciali. Il libro contiene anche tecniche originali e provate per gestire le distrazioni più comuni: email, messaggistica, social media, ambienti di lavoro poco rispettosi.

La versione italiana sarà disponibile dal 30 marzo. Se hai fretta, in inglese si intitola “Indistractable”.

Acquista su Amazon: Come diventare indistraibili

Abbiamo riassunto decine di libri come questo. Li trovi tutti qui:
Libri di marketing, business, crescita personale

Altri articoli che ti possono interessare

Iscriviti e scarica il manuale

Inserisci la tua migliore email.

Ti iscriverai alla nostra newsletter e riceverai gratis il manuale “Perché i clienti ti ignorano?”

Lead magnet problema

Iscriviti e scarica il manuale

Inserisci la tua migliore email.

Ti iscriverai alla nostra newsletter e riceverai gratis il manuale “Perché i clienti ti ignorano?”

Lead magnet problema